venerdì 8 aprile 2011

CONFLITTI

Se c’è una cosa che detesto è dover dipendere dagli altri.
Ma anche se mi impegno a cercare di essere indipendente ,
da sola non riesco a fare tutto.
E così per i lavori di potatura sulle piante grandi devo chiedere aiuto.
Questa mattina come manna dal cielo alle 7,00 ecco apparire il marito di mia cugina,
 pensionato sessantenne, pieno di energia.
Era venuto per potare quelle 5 piante di ulivo e accorciare i rami di qualche fico.
Tutto gratis.
Cosa potevo chiedere di più ? direte voi!
Mica potevo dirgli di non farlo, o mettere in dubbio le sue capacità e rovinare
così i rapporti con il parentado!
Così mesta mesta me ne sono andata al lavoro.
Ma se mi definisco ( anche gli altri lo pensano) una zitella eccentrica
e diffidente avrò pure le mie buone ragioni!
Tornata a casa sono andata velocemente a vedere il lavoro fatto.
Bene, gli ulivi erano stati potati e tutte le ramaglie erano in bella mostra
sotto alle piante ( così io domani anziché fare i lavori programmati
dovrò raccogliere tutte le potature prima che l’erba sia troppo alta e renda ancora
più difficile il lavoro),
pure le piante di fico erano state accorciate a modo, idem per i rami tagliati,
ma ciliegina sulla torta…ta.ta.ta……
vicino ad un fico c’erano una giallissima ginestra ed una spumeggiante spirea bianca
quasi pronta alla fioritura,
 ho detto C’ERANO
perché Edward manidiforbice aveva rasato a zero entrambe le piante.
Mi sarei messa a piangere.
Lo sò che è ridicolo quello che dico, arrabbiarsi per così poco.
Vorrei un robot che mi facesse i lavori guidato dalla mia mente.
Non l’hanno ancora inventato?

sigh!

5 commenti:

  1. Già successo, Loretta, non sei la sola , a me mi sparivano piante di erba cipollina scambiate per erbacce, e quando molti anni fa si andava al mare e il mio suocero si prestava ad innaffiare , quando tornavo facevo il giro per contare i morti . C'era sempre qualche defunto anzitempo.

    RispondiElimina
  2. Però lo ringraziavo lo stesso .

    RispondiElimina
  3. Nooooooo!! Davvero tremendo quanto ti è capitato, sarà che sono due piante da me amatissime ...
    L'intenzione era buona, però :(
    Ciao Loretta,
    Lara

    RispondiElimina
  4. Purtroppo lo so che mai niente è veramente gratuito e c'è sempre un prezzo da pagare.
    Però non imparo mai.
    Succede così, quando si ha bisogno, occorre
    adattarsi.

    RispondiElimina
  5. I tagliatori selvaggi sono un flagello per noi femmine giardinicole!
    Io non sopporto i miei colleghi che dal fatto di essere uomini deducono altresì di essere in grado di saper potare e "sciagattano" le mie rose.
    Sono contenta di averti incontrato,mi riconosco in molte cose.

    RispondiElimina

Grazie per aver condiviso un pò del vostro tempo con me.