mercoledì 19 giugno 2013

QUELLO CHE HO RICEVUTO IN EREDITA'

Dal mio babbo ho ricevuto in eredità gli occhi chiari,
e il carattere introverso.
Dalla mia mamma ho ricevuto in eredità le lacrimi facili
e il grasso in esubero.
Da uno dei fratelli di mia mamma la miopia.
Ma quella, da cui ho attinto veramente a piene mani,è stato
dalla mia zia materna.
Anche lei aveva gli occhi chiari ed era cicciotta.
Ma amava moltissimo i fiori.
Aveva abitato per diversi anni in una piccola casa indipendente
che aveva la porta d’ingresso a 50 cm. dalla strada.
In questi 50 cm di profondità e per circa i 4/5 metri della lunghezza
del fronte casa, lei aveva piantato e seminato una miriade di fiori.
Ricordo una tavolozza di colori che nulla aveva a che fare con
la discrezione e l’eleganza. I gladioli svettavano alti nei loro rossi,
arancio, gialli, ombreggiati dalle larghe corolle rosso scuro delle dalie.
Sotto stavano le zinnie, anche loro gialle, bianche, rosse in compagnia
della fragrante e invasiva menta piperita ,degli astracieli rosa e lilla,
delle bocche di leone, della calendula,
Da un lato c’era un’enorme pianta di finocchio selvatico e dall’altro lato
una rosa rossa che non smetteva mai di fiorire.
Questi colori lei li portava con sé.
Nel suo abbigliamento.
Si cuciva gonne nelle fantasie più svariate e colorate.
Si faceva maglie ai ferri color ciclamino, acquamarina, arancione.
Con la lana che le restava sferruzzava calzini a righe di ogni colore.
Una meraviglia.
Ma quando io la incontravo per il paese mi vergognavo di essere la nipote
di quella zitella stravagante.
Ma le strade della vita sono misteriose ed ora io sono così.
Vi lascio il quasi irrisolvibile dilemma di individuarmi nella foto.



18 commenti:

  1. Amare i fiori è sinonimo di grande noblità d'animo.
    E...un pizzico di stravaganza non guasta ma identifica.

    RispondiElimina
  2. Finalmente un pò di colori!Al ritorno dall'India ho realizzato che noi vestiamo in prevalenza di nero,grigio...tinte scure.Invece tu sembri un fiore! :)

    RispondiElimina
  3. Che bella che sei Loretta! Non è meraviglioso poter vivere anche le parti più stravaganti di sé, senza farsi problemi?! E questa caratteristica trovo sia molto affascinante e seducente! Uno dei progetti che proponiamo dove lavoro io è denominato "Sono unico e prezioso". Guardando la tua foto è questo che mi viene in mente.

    A presto
    Cinzia

    RispondiElimina
  4. Io apprezzo moltissimo il cappellino.

    RispondiElimina
  5. Coraggiosa!!!Vero? ( o demenza senile? )

    RispondiElimina
  6. STU-PEN-DA!!!
    Troppo bello il fiore in testa!
    Un bacio
    Francesca

    RispondiElimina
  7. IL CAPPELLO COLOR PORPORA

    A 3 anni Lei si guarda e vede una Regina.
    A 8 anni Lei si guarda e vede Cenerentola.
    A 15 Lei si guarda e vede una Brutta sorella ("mamma non posso andare a scuola con questo aspetto qui").
    A 20 anni Lei si guarda e si vede "troppo grassa/troppo magra, con i capelli troppo lisci/ troppo arricciati", ma decide che uscirà di casa lo stesso.
    A30 anni Lei si guarda e si vede "troppo grassa/troppo magra, troppo bassa/troppo alta, con i capelli troppo lisci/ troppo arricciati" ma decide che non ha tempo di risistemarsi e che uscirà di casa lo stesso.
    A 40 anni Lei si guarda e si vede "troppo grassa/troppo magra, troppo bassa/ troppo alta, con i capelli troppo lisci/ troppo arricciati" ma dice: "almeno sono pulita", ed esce di casa lo stesso.
    A 50 anni Lei si guarda e si vede "esistere" e se ne va dovunque abbia voglia di andare.
    A 60 anni Lei si guarda e ricorda tutte le persone che non possono più nemmeno guardarsi allo specchio. Esce di casa e conquista il… mondo.
    A 70 anni Lei si guarda e vede saggezza, capacità di ridere e saper vivere, esce e si gode la vita.
    A 80 anni non perde tempo a guardarsi. Si mette in testa un cappello color porpora ed esce per divertirsi con il mondo.

    Loretta saggia e splendida, quel cappello color porpora l'hai già, in età giovane... che bello!!!!! (Sei troppo bella!)

    RispondiElimina
  8. - Per Massimo: ti sembro inglese perchè io e l'Elisabetta
    andiamo nello stesso negozio di cappelli!
    - Per Sari: che bella la tua storia.
    - E grazie anche a Costantino, Chandana, Cinzia, Vitamina,
    Sara e Cicabuma: siete state troppo carine.
    Ciao

    RispondiElimina
  9. Strabiliante!
    Mi hai ridato il buonumore e la gioia di esistere, bacio Michi

    RispondiElimina
  10. Mi piace tutto di questa foto, l'ambiente, il verde, le tue amiche dai capelli grigio perla e ... tu bellissima e colorata. Molta armonia... bella giornata

    RispondiElimina
  11. La fine del mondo! Sia il cappello che il vestito. Troppo belli!

    RispondiElimina
  12. mi piace il post !!!
    ciao grazie del passaggio nel mio blog

    RispondiElimina
  13. Adoro i cappelli ma a volte non oso...e adoro chi li porta con allegria e semplicità! Chissà perchè si finisce sempre per assomigliare alle persone che da giovani troviamo buffe...io ridevo di chi parlava alle piante e adesso faccio lunghi monologhi durante i bagnetti delle orchidee( non dirlo a nessuno!) ;) Simpatico il tuo blog... buona giornata!

    RispondiElimina
  14. Ciao sono Catia del blog "A scuola con Matilde".
    Condivido i commenti precedenti e ti ringrazio tanto perchè leggendo questo post ho iniziato la giornata allegramente. E mi hai fatto venire in mente che anche io ho una zia pazzerella e colorata a cui voglio tanto tanto bene che non sento da troppo tempo. Ora la chiamo!!!
    Grazie ancora e credo che passerò molto spesso da queste parti.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  15. Stamani avevo voglia di venirti a trovare, è un pezzo che ti leggo e guardo... ma questa donna è uno spettacolo di bellezza entusiasmo colore e ottimismo... che magnifica figura e quanto carisma mia cara Loretta.
    Un grande abbraccio amica mia.
    Gingi la streghetta stregata

    RispondiElimina

Grazie per aver condiviso un pò del vostro tempo con me.