mercoledì 27 novembre 2013

GAMBETTOLA

Monumento simbolo della città di Gambettola, nota per la
sua industriosa raccolta di rottami.
Probabilmente tutto cominciò così, con lo straccivendolo che girava
per le strade annunciandosi gridando " stracci,  stracci ".


14 commenti:

  1. A me piacciono tanto queste statue "vere"..

    RispondiElimina
  2. Molto suggestivi questi monumenti. Ciao.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Ero bambina, l'estate quando non c'era scuola, ogni secondo e ultimo venerdì del mese a svegliarmi la mattina era la voce squllante di un anziano che spingendo la sua bici girava tutte le strade:
    "Stazze, donneeee! Osssi, feri veci, pel de cuneiiii....iiii"
    (Stracci, donne! (no non comprava anche le donne, cercava solo di richiamare la loro attenzione :-D ) Ossa, ferro vecchio e pelli di coniglio)
    Sono passati tantissimi anni, quasi cinquanta, eppure quella cantilena la sento ancora nelle orecchie.
    RispondiElimina

    RispondiElimina
  5. Si, che bei ricordi. Insieme al pescivendolo del venerdì, lo straccivendolo ci faceva correre alla finestra, noi bambini, in casa della mia nonna, a Valdellora, rione di La Spezia...

    Ciao Loretta!

    RispondiElimina
  6. Conosco il monumento, il castello la zona industriale e anche Pascucci, il bravo sindaco di Longiano.
    Ciao

    RispondiElimina
  7. Una mia lacunanellaconoscenza della Romagna : andrò a vedere quel monumento!

    RispondiElimina
  8. Se resto in silenzio forse lo sento gridare, quello straccivendolo.
    Ossa, raccoglieva anche le ossa come dice Vera? E perchè mai? A che servivano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse per fare gli oggetti in osso (cucchiai, pettini, spilloni), o forse per ricavare le colle animali, un po' di ossa finiscono anche nel sapone ma in quello prevalgono i grassi... boooh chissà

      Elimina
  9. Io mi ricordo a casa di mia nonna, quando fuori era ancora buio e appena appena a est si intravedeva un barlume di luce, nella piazzetta arrivava lo straccivendolo con la sua lenta cantilena e il suo carretto: "Strasce, strasciaiooooo...". Siamo a Cittiglio, in provincia di Varese!
    Andavo da lei in estate e poi ho vissuto a casa sua per un anno intero dopo il terremoto del '76 perche a stare a Udine avevo paura... Lo straccivendolo mi svegliava nelle fredde mattine d'inverno, quando mi dovevo alzare per andare a scuola.
    Che nostalgia!!!
    Un bacio
    Francesca

    RispondiElimina
  10. Ho anch'io ricordi simili di quando ero bambina… Ti abbraccio, ciao!
    Flora

    RispondiElimina
  11. Lo conosco bene questo monumento...abito a pochi chilometri da Gambettola e ci ho lavorato anche diversi anni, quindi durante i miei passaggi in centro mi imbattevo sempre nello straccivendolo. Questa cittadina è famosa per gli stracci e il ferro vecchio, anch'io però ho lontani ricordi di questo tipo... Da bambina, la mattina presto quando ero ancora a letto, nella mia strada risuonava un richiamo e mi sembra fosse proprio quello dello straccivendolo. Ciao, Loretta!

    RispondiElimina
  12. Io non ricordo lo straccivendolo, bensì l'arrotino.
    Passava per le campagne urlando a voce squillante "arrotino, arriva l'arrotino",
    poi con il tempo si è modernizzato e sull'ape aveva un bel megafono che spandeva la sua voce ancora più lontano.
    Mestieri persi lungo la strada del consumismo, forse oggi sono rimasta solo io che porto a rifilare le lame delle forbici e delle falci!

    RispondiElimina
  13. Mestieri antichi che la recessione potrebbe fare tornare in auge. Non ci sono da voi,nei mercati, i banchi dove(opportunamente ripuliti) si vendono indumenti usati? Al mercato,in piazza,gli altri li chiamano oggi "straccisti",sono in aumento come numero e molte persone comprano questi capi a volte chiaramente ex di lusso per indossarli di nuovo, a prezzi irrisori. ..Chiedendo in giro sull'origine di questi materiali mi sono sentita rispondere che sono i materiali che la gente dona per motivi caritativi che vengono reimmessi nel mercato per ottenere fondi da usare(si spera) per motivi caritativi..Il monumento è molto bello e sembra vero...Forse era meglio quando le transazioni sull'argomento avvenivano in diretta!!!Un abbraccio affettuoso,Rita.

    RispondiElimina

Grazie per aver condiviso un pò del vostro tempo con me.